<<<  Torna
 
Panoramica generale

La schermata d'inizio di Encore è la seguente:

Oltre ai consueti menu <File> (dove compaiono comandi simili ai programmi di videoscrittura quali Open, Save, Print, Page Setup ma anche Extract Part) ed <Edit> (con Select All, Cut, Copy e Paste) sono presenti nella stessa barra i menu:

<Notes> dal quale è possibile intervenire su tutti gli aspetti delle note e delle rispettive stanghette che sono selezionate in partitura;

<Measures> dal quale si può modificare qualsiasi aspetto della battuta (tempo, alterazioni, ecc.) e delle stanghette (semplici, doppie, finali, ritornelli);

<Score> nel quale si trovano i comandi di inserimento ed eliminazione dei pentagrammi e delle pagine e i comandi di impostazione della pagina (battute per sistema e sistemi per pagina ecc.) con la possibilità di inserire i titoli di pagina, numero di pagina, ecc.;

<View>, dove è possibile impostare (con il comando <Show/Hide…>) la visualizzazione a schermo e in stampa di molti elementi che possono, a seconda delle situazioni, essere utili (righello, il nome dello strumento davanti al pentagramma, i margini della pagina, ecc.);

al menu <Windows> si può ricorrere per visualizzare le varie Palette. Le Palette sono strumenti molto utili che consentono l'inserimento con il mouse o con la tastiera di molti elementi della partitura. L'elenco che compare è il seguente:

La traduzione è la seguente: Note, Chiavi, Grafica (per inserire testi o le parole sotto le note - il programma chiama queste "Liric" -, accordi in varie forme e altri segni grafici), Strumenti (per inserire legature, trilli e altro), Dinamica, Segni1 (gruppetti, diesis e bemolli piccoli, arcate per il violino, …), Segni2 (accenti e sforzati), Simboli (corona, numeri per le dita dei pianisti, …), Chitarra (con tutti i segni per notare la partitura di questo strumento), Espressione (crescendo, ritenuto, …), Colori (che permette di colorare le note o l'intero pentagramma selezionati;

in <Setup> si possono impostare le uscite MIDI e molti altri parametri sia grafici (le distanze che il programma calcola tra i vari elementi della notazione) che musicali (impostazione delle registrazioni da tastiera MIDI, le pulsazioni del metronomo ecc.).